Dal Mare allo Scaffaiolo, Emozione Pura!

 
Partire alle 7:30 dalla spiaggia a Punta Marina, arrivare alle 16:30 al Lago Scaffaiolo a 1800 metri d’altezza. In mezzo 180 km tra pianura, strapetti, strapponi, asfalto e sterrato. Una sensazione incredibile, strana, un misto di soddisfazione e commozione, sapendo che non hai fatto una cosa impossibile, ma hai attraverso, comunque, mezza Emilia Romagna, unendo due punti, così diversi, ma così particolari. Al mattino la tranquillità della spiaggia vuota, la risacca calma del mare. Al pomeriggio la voce del vento e l’acqua muta dello Scaffaiolo, quella pozza misteriosa madre di numerose leggende.
La nostra avventura parte sabato pomeriggio. Lorenzo, io e Maurizio l’Inossidabile Magnani, ci troviamo sul ponte del Reno, (altra acqua che scorre), a Casalecchio. Da qui via in stazione a Bologna, in sella alle biciclette e con gli zaini in spalla, percorrendo quasi esclusivemente la pista ciclabile. Al

binario ci troviamo con l’altro Maurizio e con Luca Carboni (il grande), facciamo conoscenza e saliamo sul treno diretto a Ravenna. Bici nel loro scompartimento in testa al treno, noi sparsi nel primo vagone. La prima volta per me, in bicicletta, in treno e bella esperienza, comoda e pratica. Poco più di un’ora e siamo a Ravenna. Qui ad attenderci un caldo, leggermente umido, che ci appiccica le maglietta alla pelle come una macchina del vuoto chiude una bistecca. Usciamo dalla stazione e di nuovo in sella verso Punta Marina. Neanche mezz’ora di viaggio, quasi tutto in pista ciclabile, e siamo in albergo. Sistemazione delle camere, (il Conte Maurizio l’Inossidabile
rigorosamente in camera singola) e doccia veloce. Dopo poco arrivano anche Paolo e Luca Carboni ( il piccolo), in furgone, carico delle Mountain bike che ci porteranno allo Scaffaiolo. Cena leggera ( dove abbiamo mangiato l’anno scorso nella gita al mare), a base di Spaghetti allo Scoglio, che più che scoglio era una montagna, e grigliata mista di pesce, vino, dolce e Limoncello. Rotoliamo verso l’albergo e proviamo a dormire. Almeno ci proviamo, il caldo afoso è schiacciante, Paolo ogni tanto Russa, io tossisco e Tognetti invece sogna una piscina. La mattina arriva presto, colazione abbondante come non ci si aspettava, e via verso la spiaggia. Sette ciclisti e Paolo in furgone. Il Bagnino, un po’ sorpreso di vederci, ci fa entrare in spiaggia, foto di rito con il sole ancora basso appena sorto e via verso Bologna. Usciamo da Ravenna senza difficoltà, attraversiamo il porto, passiamo dalla stazione e subito fuori il centro storico, eccoci sulla San Vitale. La prima ora la tira sempre io, poi anche gli altri ormai orientati verso Bologna, (è tutta dritta), mi danno una mano. Andatura costante sui 30-32 Km/h e dopo neanche tre ore e mezza siamo a Sasso Marconi. Abbiamo anche il tempo di fermarci a mangiare un panino e nel frattempo Tiberio si aggrega a noi. I primi strappetti della Porrettana sono uno sfogo dopo 100 km di pianura e quando a Marzabotto, di slancio, faccio la salita ai 30 km/h, tutti cercano di starmi dietro. Anche a Sibano alzo l’andatura, ma l’unico che mi segue e Luca Carboni il piccolo. In realtà non volevo certo metterla sull’agonismo, volevo solo avvantaggiarmi per scattare due foto. Nel frattempo l’unico che non si scompone e continua la sua costante marcia è Maurizio l’Inosiddabile.
Sembra in forma, ma il caldo incredibile di questo Settembre lo sta sciogliendo.
A Marano il ristoro organizzato da Luca Carboni, il Piccolo, a casa sua è rigenerante. La Porrettana è una fornace e tra Vergato e Silla il termometro toccherà i 37 gradi. A Silla inizia la salita. Il Corno alle Scale è là davanti a noi, lo Scaffaiolo subito dietro. Sono gli ultimi 30 km di strada, 27 in bici da corsa, 3 in sterrato. Sono tutti in salita, gli ultimi 3 in asfalto al 14%, gli ultimi 3 in sterrato tra i 10% e i 25%. Saliamo verso Gaggio, sparpagliati, io e Lorenzo Tognetti a buon passo, (forse anche troppo buono), Luca Carboni il grande e Maurizio l’altro, agili chiacchierando, Maurizio l’Inossidabile e Luca il piccolo, lentamente, con l’Inossidabile sempre più prosciugato. La strada che sale verso Querciola domina la valle. Castelluccio, Monte Acuto, Lizzano e Vidiciatico sono alla nostra destra, il Cimone davanti. Ammirando il panorama e chiacchierando io e Lorenzo arriviamo a Querciola e aspettiamo gli altri. L’Inossidabile si butta nella fontana dichiarando i suoi obbiettivi. Non sa se riuscirà ad arrivare al Cavone e molto probabilmente non salirà sullo
Scaffaiolo. Si riparte, si scende verso Vidiciatico e si sale, da qui, per gli ultimi 12 km d’asfalto verso il Cavone. Luca il Piccolo, Lorenzo ed io passiamo La Cà agilmente e continuiamo a salire verso Madonna dell’Acero. Lorenzo non conosce la strada e gi consigliamo di rimanere agile insieme a noi. A Rio Rì si entra nel bosco 3 km scarsi ed ecco Madonna dell’Acero. Da qui la strada s’impenna al 14 % per gli ultimi tre chilometri d’asfalto fino al Cavone. Luca il Piccolo ha giocato meglio le sue carte facenco i primi dieci chilometri di salita insieme all’Inossidabile,
prende venti metri che saranno impossibili da recuperare per me e Lorenzo. L’Inossidabile, intanto, a La Cà è salito sul furgone, per lui l’avventura sembra finita ma l’abile Paolo lo convincerà a salire in MTB e venire allo Scaffaiolo. Al Cavone dieci minuti di pausa tecinica per il cambio delle bici, si scende dalla Specialissima e si sale sulle MTB. Le prime pedalate sono un tormento. Dopo 176 km di bici da corsa e asfalto, trovare la pedalata sullo sterrato, con la MTB, è un’agonia. Il caldo afoso della pianura e il fresco
meraviglioso della montagna poi, creano uno scompenso che anche un cammello appena abbeverato sarebbe in disidratazione. Le sorgenti sono stranamente secche, forse la siccità di questa fine estate le ha prosciugate,
resta che dobbiamo arrivare fino all’ultimo km, alle Malghe, per trovare la fontana del pastore. Bevuta generale e quant’è buona l’acqua della montagna, ed eccolo
l’ultimo temutissimo chilometro, cinque tornanti anche al 25 % in una pietraia. Nessuno rimane in sella e si arriva ai meno 300
metri con le bici a mano. Ma questo non toglie la voglia di risalire in bici e sfrecciare dentro il lago, dopo nove ore di pedalata e una voglia pazza di arrivare. Grande soddisfazione, foto di rito e giro d’onore intorno al lago con anche piccolo guado. Poi sosta al rifugio e brindisi prima della discesa verso Cà Gabrielli, dove abbiamo concluso come avevamo iniziato, Mangiando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *